Scuola dell’Infanzia "T. Petrobelli"

e Nido Integrato - Parrocchia S. Cuore di Gesù Bertipaglia

Progetto Annuale 2018/2019

 

Scarica il file del progetto 2018-2019

 

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Promuovere lo sviluppo armonico della personalità di ciascun bambino e favorire la costruzione di relazioni con gli altri; potenziare competenze adeguate per affrontare con autonomia e sapersi orientare con sicurezza nelle diverse situazioni. Nello specifico:

  • Saper usare la linea del tempo per collocare un fatto o un evento.
  • Sviluppare l’orientamento nel tempo e comprendere gli elementi di temporalità (prima,adesso,dopo)
  • Ricostruire la sequenza di una trasformazione.
  • Saper fare previsioni,ipotesi, anticipazioni ed iniziare a comprendere il concetto di ciclicità degli eventi.
  • Acquisire ed utilizzare il linguaggio specifico a seconda delle situazioni.

METODOLOGIA

L’approccio metodologico di questo progetto privilegia l’attività di osservazione e di sperimentazione diretta di alcuni fenomeni naturali in un ambito di scoperta e riflessione. Il gioco caratterizza gran parte delle esperienze proposte in quanto riproduce importanti stimoli emotivi, affettivi e relazionali e si propone inoltre come contesto di supporto per sperimentare una vasta gamma di strutture cognitive. Il bambino infatti si troverà in situazioni di apprendimento che prevedono la soluzione di problemi, l’elaborazione di strategie, di anticipazione e di previsione, il ricorso a regole. Per rendere più coinvolgente e motivante il contesto dell’esperienza è stato pensato un personaggio guida: il mago TICCHE TOCCHE, che sarà il guardiano del tempo e che accompagnerà i bambini alla scoperta dello scorrere del tempo.

Le attività prevedono l’uso delle seguenti strategie didattiche:

  • L’esplorazione e l’osservazione per favorire la scoperta dei vari eventi
  • Il circle time per consentire ai bambini di esprimere il loro pensiero e di confrontarlo con gli altri
  • Giochi di movimento per favorire la conoscenza di sé e acquisire padronanza del proprio corpo
  • La manipolazione per promuovere l’esperienza sensoriale, il problem solving e la creatività
  • La narrazione e la drammatizzazione per creare un contesto motivante per l’apprendimento

LA VALUTAZIONE

I vari percorsi proposti ai bambini saranno monitorati dalle educatrici per cogliere i bisogni e gli interessi dei bambini e per promuovere cambiamenti progettuali adeguati nell’attività progettata al fine di verificare se i risultati attesi sono stati raggiunti. Al termine del percorso si applica una valutazione dei vari percorsi in base ai seguenti criteri:

  • Il bambino elabora una prima concezione del tempo e riconosce la serie temporale delle sue azioni (PRIMA-DOPO).
  • Il bambino utilizza un linguaggio appropriato per descrivere le esperienze vissute.
  • Il bambino formula in modo autonomo ipotesi, previsioni e soluzioni dei problemi.
  • Il bambino conosce gli elementi delle stagioni (caratteristiche fisiche, alimenti, abbigliamento, animali,sport).

LA DOCUMENTAZIONE

La documentazione prevede la raccolta di materiali significativi prodotti o realizzati durante le esperienze formative che alla consegna permetterà ai bambini di rivedere con la famiglia le attività svolte. La produzione della documentazione permette inoltre alle docenti di valutare il percorso dell’alunno leggendo le “tracce” che egli ha lasciato durante le attività e cogliendo la trasformazione degli obiettivi in competenze e di attuare interventi personalizzati se riscontra eventuali problematiche.

 

Traguardi di Sviluppo ed indicatori di competenza

 Corpo, movimento e salute

  • Prendere consapevolezza del proprio corpo.
  • Vivere un'esperienza corporea in collaborazione con un compagno.
  • Rafforzare il coordinamento motorio.
  • Coordinare i movimenti del corpo.
  • Saper collocare il proprio corpo in relazioni alle consegne dell'adulto
  • Partecipare a giochi di gruppo.

Fruizione e produzione di messaggi

  • Saper ascoltare storie e racconti
  • Intervenire verbalmente nel gruppo
  • Memorizzare brevi poesie e filastrocche
  • Stimolare fantasia e creatività
  • Formulare risposte traducendo in parole sensazioni e opinioni
  • Rafforzare la capacità di comunicazione
  • Portare un contributo personale alla conversazione
  • Sviluppare la fantasia e l'immaginazione
  • Comunicare e confrontare impressioni
  • Ricordare e utilizzare parole nuove percepite nell'ascolto
  • Favorire esperienze di manipolazione
  • Dare forma al materiale in base ad un modello proposto
  • Sperimentare tecniche diverse
  • Drammatizzare racconti ascoltati+

Esplorare, conoscere e progettare

  • Sviluppare la capacità di osservazione
  • Fare esperienze e scoperte inconsuete
  • Acquisire il concetto di successione temporale
  • Riordinare una storia divisa in più sequenze

Il sè e l'altro

  • Favorire le relazioni e gli aiuti reciproci
  • Riconoscere ed esprimere sentimenti ed emozioni
  • Condividere esperienze con il gruppo-sezione
  • Rafforzare lo spirito di collaborazione
  • Sviluppare processi di identificazione e di proiezione con personaggi fantastici
  • Cogliere il valore dell'amore, dell'amicizia e della solidarietà
  • Esorcizzare le paure
  • Distinguere il bene e il male
  • Comprendere la morale di una storia ascoltata

COME ANALIZZARE I TRAGUARDI DEL BAMBINO

PER SEGUIRE E VERIFICARE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DI OGNI BAMBINO DURANTE L’ANNO SCOLASTICO E COERENTEMENTE AL PERCORSO FORMATIVO, SI STABILISCONO DETERMINATI TRAGUARDI DA PERSEGUIRE. ESSI  SONO APPOSITAMENTE PROGRAMMATI AL TERMINE DELLE FASI PIU’ SIGNIFICATIVE DEL PERCORSO CURRICOLARE;  PER GLI INSEGNANTI RAPPRESENTANO I RIFERIMENTI UTILI PER INDICARE LE PISTE DA PERCORRERE OLTRE CHE PER FINALIZZARE L’AZIONE EDUCATIVA VERSO LO SVILUPPO INTEGRALE DEL BAMBINO.

IL GRUPPO DELLE INSEGNANTI È TENUTO AD ELABORARE UN PERCORSO FORMATIVO DIDATTICO CHE TENGA CONTO DELLE INDICAZIONI MINISTERIALI E CHE SIA FLESSIBILE E GRADUALE A SECONDA DELLE ESIGENZE CHE SI PRESENTANO ALL’INIZIO DI OGNI ANNO SCOLASTICO.

LA VALUTAZIONE FA PARTE DELL’AZIONE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA ED E’ UN PROCESSO ATTIVO, CIRCOLARE, APERTO E CONTINUO; INFATTI OGNI INSEGNANTE RACCOGLIE ED ELABORA LE INFORMAZIONI PERCEPITE DALL’OSSERVAZIONE E DALL’ANALISI DEL BAMBINO, IN MODO DA REGOLARE E MIGLIORARE COSTANTEMENTE LA PROPRIA AZIONE DIDATTICA E ALLO STESSO TEMPO COMPIERE UN’AZIONE DI VERIFICA DEL SUO PROCESSO DI MATURAZIONE.

GENERALMENTE TALE VALUTAZIONE VIENE ELABORATA DAL GRUPPO INSEGNANTI CHE RUOTA SULLA SEZIONE DI CIASCUN BAMBINO E SOLITAMENTE E’ COMPOSTO DALLA COORDINATRICE E DALLE INSEGNANTI DI SEZIONE; IN QUESTO MODO SI FAVORISCE LA REALIZZAZIONE DI UN LAVORO DI SQUADRA E SI RENDE POSSIBILE UN’AZIONE EDUCATIVA UNITARIA CHE REALIZZA LE DIRETTIVE DEL PROGETTO EDUCATIVO-FORMATIVO DELLA SCUOLA.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito. La prosecuzione della navigazione o la selezione di un elemento comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.